Il Cilom (Cilum) è una pipa tradizionale indiana, usata per scopi divinatori sin dall’antichità.
Nel cilom, tradizionalmente viene fumato l’estratto resinoso o il polline della pianta ricavato dal fiore.

Lavorazione
I Cilom (Cilum) qui esposti sono lavorati interamente a mano, senza ausilio di stampi e tornio, ne anime di legno o altri espedienti. Ecco perché avrà sempre una forma artigianale e mai geometrica. Si ricava da un pezzo unico di terra modellato con la battitura su un piano pulito e liscio. Questo ne garantisce la compattezza, la durata e la robustezza in caso di
caduta. Inoltre il fornello viene scavato dal blocco in un secondo tempo quando il Cilom (Cilum) non è più morbido, ma solido e della consistenza del cuoio. Infine ogni pezzo viene cotto professionalmente ad una temperatura superiore
a mille gradi, da un laboratorio di ceramisti esperti.

Forma
La misura dell’esterno, il suo spessore sono caratteristiche che ognuno sceglie a seconda dell’utilizzo e della portabilità.
Il fornello interno è di forma conica, senza avvallamenti e curve. Questo serve a consentire un afflusso diretto del fumo.
Inoltre l’assenza di insenature nel fornello e la lucidatura che viene fatta serve per facilitare la pulitura dopo l’utilizzo.
La pietra che viene posta all’interno serve a trattenere le impurità e la cenere durante l’inalazione, e ha una forma di tronco di piramide esagonale o quadra. A seconda della lunghezza si ottiene l’inalazione perfetta e il raffreddamento
desiderato.

Misure
Le 5 misure che caratterizzano un Cilom (Cilum) sono:
Lunghezza : All’aumentare della lunghezza aumenta anche la miscelazione e il raffreddamento del fumo. Partiamo da una lunghezza di 10 cm fono a mezzo metro. Ovviamente si preferisce un Cilom (Cilum) piccolo quando si vuole portare con se, e uno più grande da tenere a casa.
Larghezza del fornello : Nel fornello vero e proprio avviene la combustione. Se il fornello è molto largo, l’impasto brucerà più velocemente che se il fornello è più stretto.
Lunghezza della pietra : una pietra lunga rende l’inalazione più fresca ma meno abbondante, una pietra corta rende l’inalazione abbondante ma più calda.
Profondità del fornello : è data dalla presenza della cosiddetta pietra. Più la pietra è grande , minore sarà la profondità del fornello. Ricordiamo sempre che un fornello ideale avrà una profondità che va dalla larghezza, fino ad una volta e mezzo della larghezza del fornello. Proporzioni diverse di solito danno problemi di accensione oppure causano lo spegnimento imprevisto della mista.
Larghezza dell’imboccatura : l’imboccatura consente l’inalazione del fumo, e deve consentire il passaggio di una quantità uniforme di fumo.
Lunghezza della pietra : una pietra lunga rende l’inalazione più fresca ma meno abbondante, una pietra corta rende l’inalazione abbondante ma più calda.
Utilizzo
Per fumare bene e per igiene, l’imboccatura non va mai appoggiata alle labbra, si fuma dalla mano. L’imboccatura si può avvolgere in una garza di cotone (saffi).
Erba e petali aromatici : scegliere un cilum con il fornello largo, la pietra ad una profondità di circa una volta e mezzo la larghezza, e un’imboccatura medio larga. La lunghezza della pietra deve essere proporzionata alla lunghezza del cilum. Si sconsiglia una pietra che tira troppo o troppo corta.
Polline o erba : scegliere un cilum con il fornello medio, la pietra ad una profondità da una fino una volta e mezzo la larghezza, e un’imboccatura medio larga. Usare pietre lunghe o medie.
Polline molto compresso e resine : scegliere un cilum con il fornello mediopiccolo, la pietra ad una profondità di uguale alla larghezza, e un’imboccatura piccola o media. Usare pietre lunghe o medie. Con tiraggio abbondante.
Pulitura
Il cilum deve essere svuotato battendolo dolcemente in verticale sul legno, non soffiarci dentro e non batterlo in terra.
Deve essere custodito e pulito possibilmente sempre da chi lo porta, solo chi lo porta autorizza altri a fare l’ultimo tiro, e a pulirlo. Questa regola evita rotture e negligenze e ti consente di farlo durare una vita.
NON si pulisce con la carta, con l’acqua o tramite bolliture (diventa maleodorante).
Si deve pulire SOLO con un bacchettino di legno avvolto di morbido cotone: una maglietta o della garza di cotone.
Se il Cilom (Cilum) ha raggiunto il capolinea (maleodorante) può essere ri-cotto ed in questo modo ritorna nuovo

MENU